martedì 13 febbraio 2018

Carnevale Savianese vi aspetta Sabato 17 Febbraio 2018

A causa delle avverse condizioni meteorologiche, la sfilata dei carri allegorici di martedì 13 febbraio 2018, è rimandata a Sabato 17 Febbraio 2018 alle ore 15.00.

Ps: il numero 13 ha portato male, speriamo il 17 ci porti fortuna. Incrociamo le dita e
BUON CARNEVALE A TUTTI.!!!!

lunedì 12 febbraio 2018

Carnevale Savianese Rinviato

Rinviare una manifestazione così importante e così velocemente senza aspettare gli ultimi minuti non era mai capitato.
Anni fa si aspettava fino alle 14.30 per decidere. Secondo il 3B meteo martedì 13 febbraio 2018 non si vedrà una goccia di pioggia.
Sempre più deluso con il passar degli anni.


Domenico Tafuro scrive:Il problema sta nel fatto che prima si faceva non in maniera perfetta. Ora bisogna organizzare bene, non si tratta di far uscire i carri e basta. Devi organizzare i carabinieri, la protezione civile, il soccorso, etc etc... e non puoi permetterti di farlo un'ora prima o la mattina stessa. È un evento di oltre 100mila spettatori e non bisogna rischiare. I carri poi devono stare dalla mattina sul circuito e se piove rischi di buttare ancora più soldi per recuperare i danni

martedì 4 aprile 2017

Elezioni 2017...tra finti amici e finti nemici.


Le elezioni di quest'anno, saranno...come le solite degli anni passati.
Quanto la Buglione vinse a discapito di Sommese, questi venne candidato nella lista che faceva capo a Roberto Conte, grande amico di Tonino Buglione. Conte venne arrestato e Sommese, primo dei non eletti, surrogò la carica alla Regione entrando a far parte, successivamente, del Gruppo Caldoro. Oggi, per quella "elezione", percepisce un vitalizio di oltre 2.500 euro al mese. Ci fu, in effetti, uno scambio di favori tra Sommese e Buglione.
Nel 2012, si candidò la Strocchia che era l'espressione dell'allora assessore della Regione Campania, quel Pasquale Sommese che oggi si trova in carcere per corruzione e tangenti. La Strocchia, il marito Ferdinando Ambrosino ed Alfonso Ferrara, fedelissimi di Pasquale Sommese, almeno fino al momento del suo arresto, capita l'antifona di non avere più appoggi esterni, hanno preso baracca e burattini e si sono trasferiti a casa di Carmine Sommese, ben sapendo di avere poca forza per essere eletti, visto che questo è il primo anno che si vota col sistema proporzionale a Saviano. A questo punto, Angelo Tufano, fedelissimo di Carmine Sommese, ha capito che ci vuole molta forza all'interno del consiglio comunale, per poter contare qualcosa. Dal suo cilindro è nata una lista di coalizione con il sindaco uscente a cui capo ci sarà un suo parente, che dovrà prendere tanti voti. Ora non si sa bene cosa faranno gli ex "strocchiani/buglioniani" come Felicino Ambrosino, Carmine Addeo, Franco Nardi. Appoggeranno Carmine Sommese o andranno contro di lui? E Francesco Ferrara, dissociatosi durante il cammino dell'amministrazione da Carmine Sommese, cosa farà? La guerra è aperta, anche perché, viste le corazzate messe in campo, serviranno parecchi voti per essere eletti. La vedo nera per i vari Cappella, Teodoro Aliperti, Antonio Ambrosino, Michele Falco, Domenico Manzo che difficilmente reggeranno la forza d'urto di Angelo Tufano, a meno che qualcuno di essi non venga caricato sulle spalle del Tufano stesso. Se anche la famiglia Buglione deciderà di appoggiare Carmine Sommese, gli unici che ne trarranno vantaggio, saranno i candidati all'opposizione di Sommese. Basteranno pochi voti, per ottenere un seggio. Movimento 5 Stelle, Frastuono, PD e qualche altra sorpresa, faranno la guerra a Carmine Sommese.
Chi vivrà, vedrà.

giovedì 23 febbraio 2017

Addio Mario Arianna 10 anni volato in cielo prematuramente

SAVIANO - Il dolore che può colpire per la perdita delle persone care, non è paragonabile al dolore di una perdita di un piccolo angioletto.
 Tutta la comunità savianese è in lutto per la perdita del piccolo Mario Arianna di soli 10 anni che proteggerà i suoi cari dall’alto.
 I funerali si terranno oggi 23 Febbraio 2017 alle ore 15 presso la chiesa dell’Immacolata.
 Nel frattempo si susseguono i rinvii o gli annullamenti delle varie manifestazioni che erano state organizzate per festeggiare questo carnevale 2017.
 È stato rinviato il “Gran Galà del Carnevale” organizzato per la terza edizione dal forum giovani presso la sala consiliare della casa comunale.
Sono stati annullati i festeggiamenti che erano previsti per domani, venerdì 24, delle scuole savianesi  presso il plesso Capocaccia e la successiva sfilata dei bimbi con i balletti in programma sabato mattina per la strade cittadine.
 Un paese in lutto che esprime un estremo cordoglio per la tragedia che ha colpito le famiglie Conte e Arianna. 

domenica 19 febbraio 2017

Umberto La Marca chi era?


MONTEBELLUNA. Da cosa sia scattata l'ultima molla che lo ha spinto a togliersi la vita è un segreto che si porterà nella tomba, perché non ha lasciato nulla di scritto e non si era confidato con nessuno. La notte scorsa Umberto Lamarca, 34 anni, originario di Saviano (NA) ma da molti anni residente a Montebelluna, netturbino per la Aimeri Ambiente srl che ha l'appalto della raccolta dei rifiuti a Feltre, si è tolto la vita impiccandosi nel bagno della casa di un amico dal quale aveva deciso di passare la notte.
Ad allarmarsi la mattina, prima di mezzogiorno, è stato l'amico quando si è svegliato. Si ricordava che la notte, al rientro a casa, Umberto era andato in bagno e si era chiuso dentro. Lui invece aveva preso sonno e solo al mattino si è reso conto che l'amico non era andato a letto. È andato verso il bagno, ha provato ad aprire la porta, ma era chiusa, ha provato a chiamarlo, senza però ottenere alcuna risposta. A quel punto ha chiesto l'intervento dei vigili del fuoco, che sono arrivati in via Ospedale e hanno forzato la porta del bagno. Umberto Lamarca si era impiccato alla finestra, aveva utilizzato la cordicella del cappuccio della felpa che indossava per farlo. Non respirava più, a quel punto è stato chiesto l'intervento dei carabinieri di Montebelluna e del medico legale. Non c'erano segni che potessero far pensare a cause diverse dal suicidio.
La morte doveva risalire ad alcune ore prima, a poco dopo che i due amici erano tornati a casa e il 34enne si era chiuso a chiave in bagno mentre l'amico si metteva a letto e si addormentava.
La Marca abitava a Montebelluna in via Martinella da vari anni e lavorava a Feltre come netturbino alle dipendenze della Aimeri Ambiente srl, la società che raccoglie i rifiuti nel comune montano. Aveva un compagna di origine brasiliana, anche lei da tanti anni a Montebelluna, tanto che aveva fatto gli studi nel capoluogo montelliano e lavora presso una nota azienda di calzature e abbigliamento della zona. Da questa compagna, con cui viveva, aveva avuto due figli, un maschio e una femmina, entrambi ancora in tenera età.
In base alle testimonianze raccolte dai carabinieri, il 34enne era ultimamente giù di corda, ma nulla aveva fatto intuire che potesse mettere fine alla sua vita. Tanto che, più che a un fatto scatenante, si pensa a una serie di concause: un probabile litigio con la compagna, forse qualche problema economico. La sera era uscito con gli amici, erano andati a divertirsi, a bere, probabilmente anche a giocare, poi al ritorno, anziché dirigersi verso casa in via Martinella, si era fermato in via Ospedale dall'amico. Non era la prima volta che lo faceva, era accaduto in passato che, dopo una nottata di festa, si fermasse a dormire in casa di qualche amico. Perciò l'altra sera, quando ha deciso di dormire dall’amico che abita in via Ospedale, nessuno si era stupito e a casa non si erano preoccupati. Per questo l'allarme è scattato solo parecchie ore dopo, quando era ormai mezzogiorno
e l'amico ha visto che non c'era e che la porta del bagno era chiusa a chiave dalla notte. Una volta che il medico legale ha constatato il decesso e i carabinieri hanno concluso i rilievi, il corpo del giovane è stato trasferito all’obitorio dell’ospedale cittadino.

Addio Umberto La Marca 35 anni si è tolto la vita nel bagno di casa

L'immagine può contenere: 1 persona
Suicidio a Montebelluna: uomo trovato impiccato nel bagno di casa

Dramma sabato intorno alle 13 in via dell'Ospedale a Montebelluna. Umberto La Marca 35 anni, è stato infatti trovato senza vita all'interno della sua abitazione, impiccato nel bagno di casa. Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco e il Suem 118, ma per la vittima non c'era più nulla da fare. Ancora ignote le cause che hanno portato il 35enne, che lascia sola la moglie, a questo ultimo gesto estremo.
Lascia una splendida famiglia. 
Umberto era di Saviano, molto amato da tutti, nessuno si spiega questo gesto estremo.
Su Facebook migliaia i commenti dei suoi amici
Preferisco ricordarmi solo del tuo sorriso ...
Solo in momenti come questi ci rendiamo conto il quanto vale una persona nella nostra vita, nulla ti riporterà più indietro ormai... oggi piango ma preferisco ricordami solo del tuo sorriso.. riposa in pace amico mio 
Eli Rodrigues Pereira Compagna di vita

Amore mio...Il tuo sorriso mi ha sempre dato la forza x affrontare tutto il mondo.
Ti amo sempre e per sempre

Dinamica del suicidio. Continua a Leggere


mercoledì 14 dicembre 2016

ICO MASCIA, IL COMUNE "REGALA" I SUOI TERRENI.


Con deliberazione della giunta comunale nr. 73 del 5/12/2016, il Comune di Saviano approva un "progetto di riqualificazione area urbana degradata ICO MASCIA s.r.l. e realizzazione di un complesso residenziale denominato -Residence Sant'Erasmo- approvazione schema di convenzione" con la "GARDENIA COSTRUZIONI S.R.L." con sede in Somma Vesuviana, legalmente rappresentata dall'amministratore unico CALIENDO Saverio. Il progetto porta la firma dell'Ingegnere Raffaele Carrella con studio in Nola. Per tale progetto, il costruttore destinerà il 30% all'edilizia sociale
E fin qui nulla di anormale, se non fosse per un piccolo particolare.
Quando venne dismessa la vecchia linea ferroviaria della Circumvesuviana, i binari della linea passavano nelle immediate vicinanze della ICO MASCIA. La circumvesuviana, avendo spostato di qualche metro il passaggio dei binari, donò la vecchia linea ferroviaria al comune di Saviano, con l'intento di adibirli ad opera di PUBBLICA UTILITA' (parchi giochi, residenze per anziani, parcheggi pubblici, verde pubblico). Nel corso dei tanti anni passati, nessuna amministrazione si è preoccupata di sfruttare quei terreni. 
E qui viene il bello.
Per poter costruire questo complesso residenziale, il costruttore aveva bisogno anche dell'area di proprietà del comune di Saviano. Nel corso degli anni, la famiglia MASCIA, rappresentata da Nando Mascia, non ha mai ottenuto la vendita di quei terreni. Nè l'amministrazione Buglione, né la commissaria prefettizia Gabriella D'Orso, avevano mai voluto cedere quei terreni ai MASCIA. Nel 2013, invece, in un infiammato consiglio comunale in cui il consigliere Addeo contestava al sindaco di "voler svendere quei terreni", se ne parlò. La cosa, però, andò avanti nel silenzio assoluto. I terreni, vennero ceduti dall'amministrazione Sommese, a chi aveva interesse a realizzare la lottizzazione, per l'IRRISORIA CIFRA DI EURO 50 AL METRO QUADRO, quando il valore catastaledi quei terreni SI AGGIRA SUI 350/400 EURO. In tutto questo c'è, come al solito, la mano e la firma dell'architetto Antonio Ambrosino, dell'ufficio tecnico.
Un'altra porcata dell'amministrazione Sommese, che andrebbe approfondita, quantomeno, dalla segretaria comunale, Dr.ssa Napolitano, che rappresenta l'autorità anticorruzione al comune di Saviano e per la quale mansione, viene retribuita.
Anche questo è Saviano.



Ricevi gli aggiornamenti nella tua email